«

Apr 15

Google Plus, 5 regole per autorevolezza e popolarità.

18


9zaf

Snobbato da molti ed odiato da tanti, Google Plus rappresenta un’arma efficace per incrementare la visibilità del proprio sito internet nei motori di ricerca, generare un’audience per la propria attività, incrementare la popolarità del proprio brand. Vediamo le regole fondamentali.

I Like, I Share, I comment

 

Google Plus

Google Plus

Google Plus è un social network. Pensare di avere popolarità semplicemente creando il proprio profilo è cosa folle. Ricordatevi che anche Google Plus è un social network. Siate social. Comunicate e interagite con l’intera community del social network. Cercate argomenti di vostra pertinenza culturale e di vostro interesse e postate commenti. Se non siete in grado di postare commenti, allora fate +1 ai post che vi piacciono. Ancora, condividete i post interessanti. Partecipare alla vita sociale del Social Network in cui siete è la prima regola del gioco.

Communities, create la vostra


All’interno dell’area Communities troverete aree tematiche che vi possono interessare. Iscrivetervi e partecipate alle discussioni delle Communities tematiche. Postate gli articoli del vostro blog, commentate gli altri post e fatevi notare all’interno della Community. Aggiungete nelle vostre cerchia (circles) le persone con cui riuscite a interagire meglio, senza preoccuparvi inizialmente del rapporto “quante persone ho nelle mie cerchie rispetto a quante hanno me nelle loro cerchie”. Se il tema che vi stà a cuore non c’è, create una nuova community, magari rendendo nota la cosa attraverso il vostro blog e gli altri canali social a cui partecipate.

Le Pagine

Se la vostra attività è localizzata e se rappresentate un’azienda, allora la creazione della Pagina è d’obbligo. Sepolto Google Local, Google Plus Pages rappresenta il servizio sostitutivo che viene visualizzato all’interno delle ricerche nelle mappe di Google oltre che nelle ricerche sul web localizzate. Non esserci è un suicidio perchè Google genera al posto vostro una pagina di default della vostra attività senza portare traffico al vostro sito internet. Anche se non avete un’attività “localizzata” la creazione di una pagina può contribuire a rendere popolare il vostro sito o le vostre idee.

Nel caso del sito internet, segnalare a Google che la vostra Pagina su Google Plus è publisher del sito, aiuta Google a capire che dietro il sito non c’è lo spammer di turno. Le pagine con il link rel del publisher sono pagine più affidabili delle altre. Il tag è semplice, richiede un link alla URL “grezza” della Pagina (la URL contentente l’id della pagina), come nell’esempio qui sotto:

<link href=”https://plus.google.com/104126559374083360315” rel=”publisher” />

Ultimo avviso. Quando passate ad agire come la vostra Pagina non potrete chiedere a qualcuno di inserirla nelle proprie cerchie. Dovete quindi agire con il vostro profilo personale per promuovere la vostra pagina. Come farlo lo vedremo nell’ultima regola.

Autorship

Se contribuite allo sviluppo di un sito, potete indicarlo nel vostro profilo di Google Plus (sezione Autore). Ma non solo, potete linkare il vostro profilo dal sito con il rel=“author”. Questo sarà un ulteriore elemento di posizionamento per le SERP di Google ma per via dei “rich snippet” anche un elemento che potrebbe fare aumentare la vostra percentuale di click (click through rate) rispetto alla visualizzazione del risultato nelle pagine di ricerca di Google.

ottimizzazione per i motori di ricerca

ottimizzazione per i motori di ricerca


Trovate un interessante post su come procedere ad incrementare il vostro rich snippet su WordPress in questo post del mitico Joost de Valk: http://yoast.com/wordpress-rel-author-rel-me/

Quello che mi preme sottolineare è che il fatto che Google possa associare un sito o un post di un blog ad un autore concreto tramite il suo profilo su Google Plus, permette a Google di avere la certezza che quel sito ha una certa autorevolezza e serietà.

Shared Circles

Shared Circle

Shared Circle

Se non trascorrete l’esistenza in conferenze, confrontandovi unicamente con utenti del web, allora questa regola può esservi utile. Create una cerchia di utenti con cui avete un dialogo oppure cercate un “shared circle” con il tema che vi interessa. Io ho cercato “SEO shared circle” e “Fashion shared circle”. Se vi è possibile raggiungete i 490 utenti, inserendo nella lista anche le vostre pagine. Quindi andate alla gestione delle cerchie: https://plus.google.com/circles aprite il vostro circle da 490 utenti (il massimo numero di utenti condivisibili è 500), quindi cliccate sull’icona della condivisione e postate la cerchia accompagnandola da un post simile a questo:

Fashion Shared Circle #fashionsharedcircle

To be included in the next Follow Circle:

1. Place +1 to this post.
2. Add the Fashion Circle to your circles.
3. Share this circle publicly.

#sharedcircle #sharedcircles #sharedcircleslist

Vedrete che inizieranno ad arrivare +1 da quanti si trovano in questa cerchia condivisa, molte richieste di inclusione, nonché molti utenti che incorporeranno la vostra cerchia alle loro. Ricordatevi di includere voi stessi/e quando condividete la cerchia (c’è da fleggare l’inclusione di noi stessi prima di procedere con la condivisione!).

I circle you, you circle me. I circle you, you don’t so I uncircle you

Già ma le regole non erano cinque? Si … si … ma questa è di omaggio.

 

Se adottate la tecnica dello shared circle vi accorgerete che arriverete ad un certo punto ad avere moltissime persone nelle vostre cerchie e molte meno che hanno voi nelle loro cerchie.

 

Per mantenere un buon equilibrio, ci viene incontro una applicazione per il browser Chrome:

Uncircle Uncirclers+

 

Qui trovate tutti gli steps necessari per procedere.

http://geekbeat.tv/how-to-uncircle-uncirclers-on-google/

Ricordatevi di non selezionare mai tutte le vostre cerchie perchè sicuramente avrete persone dalle quali volete continuare ad avere aggiornamenti anche se non vi hanno inseriti nelle loro cerchie.